giovedì, aprile 12, 2007

Nevica, sempre, in Italia


Adesso purtroppo, mi tocca tornare su un argomento scomodo, che mi infastidisce molto, poiché siamo in una situazione di vera emergenza. Parliamo della causa prima nella quale ormai succedono cose solo in funzione di questa merce. Si, è la merce, il problema: c’è qualcosa di strano dentro questa merce. Come volevasi dimostrare, nella società perfetta lentamente si instaura la droga perfetta. Il soma di questi tempi si chiama cocaina, la vedi al supermercato a 15 o 20 euro al grammo, anche se c’è gente che ancora frega le provincie remote, le periferie, spacciandola a 35 o a 40. Lo scrittore Roberto Saviano la chiama il petrolio bianco, ed è una bella immagine, questo fiume di droga che imbianca le pareti d'Italia, dell'Italia tutta, come una bella nevicata natalizia, che bello vero?
E poi eccoli là, un esercito di tossicomani all'ultimo stadio, che spariscono per giorni perchè devono 'dare' devono produrre, superarsi, e quando tornano a casa le mogli li aspettano con l'orrore dei loro furiosi scatti di ira, possono arrivare a spaccare tutto.
E quella tosse tremenda, convulsa, quella incredibile quantità di alcolici che sostengono, quell'alzare la voce continuo. E poi via nel bagno ad incipriarsi il naso. Ma quanti ne conosciamo, quanti ne conoscete, quanti ce ne sono, illanguiditi dalla schiavitù, annoiati da tutto, dispersi, raffreddati, e in fondo un po' tristi, dopotutto. All'inizio è tutto facile, sono fighissimi, hanno sempre un'idea per tutto e per tutti, una buona parola, voglia di condivisione, ma poi? Poi tutto torna al pettine. Per questa nota di tristezza, vera conclusione di tutte le storie sulla cocaina, il paese devolve molti più soldi che per le tasse, molti di più che per le macchine, il cibo, i computer, i televisori, la benzina, tutto. E li devolve a una criminalità organizzata di vario genere che esiste e risiede in Italia. La cocaina di tutto il mondo viene, se non direttamente importata, almeno CONTABILIZZATA in Italia.
Ripeto: La cocaina di tutto il MONDO viene CONTABILIZZATA in ITALIA.
Queste operazioni causano una quantità di omicidi pari a quella degli incidenti stradali, si parla di migliaia, e le cifre le lasciamo ai ragionieri. E io non ci perdererò molto tempo, perchè tanto non c’è un cazzo da fare. Il ministro dell’interno Amato, che mi pareva una persona per bene, ha detto chiaramente che se ne lava le mani perché tanto è come cercare di prendere la solita balena col solito guadino, non possono contrastare l’offerta, ha detto, poiché la DOMANDA è troppo alta.
Allora l'unica resta quella di dire di no.
No e basta, per una forma di ribellione ai clan, ai racket, ai profittatori.
E siccome questa è una cosa che ha bisogno di nerboruti uomini di ferrea volontà, va da sé che essa è inapplicabile al contesto italiano.
E Allora?
Allora che paghino le tasse. La cocaina, l’erba, l’eroina, tutte le droghe, libere, in farmacia, alla ASL, nei coffee Shop, con un bellissimo marchione dei monopoli di stato, droghe pure, controllate, verificate, e soprattutto con lo sgobbone fiscale. Avanti, un atto di coraggio, la mafia, la camorra, la ndrangheta e la sacra corona unita hanno dimostrato di essere la più grande multinazionale del pianeta, e sapete perché? Perché non c’è concorrenza! Allora rompiamogli il culo, la droga libera, legale, di alta qualità, ad un prezzo nettamente inferiore, ed ecco che almeno li costringiamo ad allinearsi ad uno standard di mercato.
Dice: non la puoi rendere libera, diventerebbero tutti una massa di drogati, ma a parte il fatto che già lo sono, vi risulta che siamo una massa di alcolisti e fumatori solo perché alcool e fumo sono legali?
Che cazzate, andarsi a leggere l’ultimo numero di Lancet, c’è scritto ben chiaro che l’alcol è ben più pericoloso della maria, e pure dell’ecxtasy, quindi le chiacchiere stanno a zero.
Un paese di tossicomani, che non può nemmeno rifarsi dei soldi che quei tossicomani spendono, è un paese di coglioni, punto e basta.

1 Comments:

Blogger emiliano said...

Amen e cosi' sia!

Pienamente d'accordo

con un extra: consideriamo coca, crack, freebase eroina and the likes come un mezzo di selezione naturale.

Ovvero: se uno/a e' cosi' coglione da usarle ed abusarne, e' giusto che schiatti, facendo cosi' un favore al pool genetico dell'umanita'. L'importante e' che mentre schiattano: 1) non procreino o 2) non facciano male agli altri

12:14 PM  

Posta un commento

<< Home