domenica, dicembre 31, 2006

Film di natale

Risparmiate i soldi,
mi aspettavo un film spettacolare dopo avere visto i trailers.
I nomi ci sono tutti: Matt Damon, De niro, Angelina Jolie, William Hurt, Turturro il mitico Jesus.
Invece ninete da fare, il film non decolla anzi proprio non parte. Noioso dalla prima all'ultima scena. Seduto di fianco a me un tipo dormiva apertamente, immagino sogni con la Jolie.
Anyway risparmiate i soldi non ne vale davvero la pena di vedere questo film.

Il discorso cambia con the Pursuit of happYness. Il film e' davvero carino, la fotografia eccezionale e Will Smith ha smesso i panni del MIB per una parte drammatica. Il film e' quello che si dice un Inspiration Movie, si esce caricati e con mille idee per il prossimo futuro.

Il mio tempo e' finito. Buon anno

5 Comments:

Anonymous Anderton said...

Ciao,
Scusi, non parlo (è non scrivo) bene italiano. Aspeto "The Good Sheperd" con impacienza. L'associazione De Niro-Damon-Jolie e attrativa. Non olvido il ritorno del grande Joe Pesci!
Auguri per questo anno nuovo!

9:04 PM  
Anonymous Anonimo said...

Ma il film di will Smith mi ha detto un caro amico che e' terribile!!!!
Com'e' possibile che i neri siano tutti cattivi, che i bianchi broker siano tutti buoni, che i frikkettoni siano ladri e che piu' che al figlio lui sia interessato piu' di tutto ai soldi???!??
Ne parlavo stasera con un collega americano e mi diceva che nella sua comunita' sono inorriditi!

Ciao, Gio

1:53 AM  
Blogger Cri said...

Un po' e' vero.
e non dimenticare il taxista mediorientale!!!!

In ogni caso per me il film e' bello. Sicuramente e' un film che sfrutta la molla dei sentimenti e dell'identificazione nel personaggio.
Certo che se parli con un americano la cosa cambia. A dicembre ero a New York e davanti a Columbus circus sono stato intervistato da BET sul significato per me della N Word. Gli americani attorno a me erano scandalizzati dal fatto che pronunciassi nigger senza problemi. Loro per la questione del politically correct non lo avrebbero mai detto. Gli americani avrebbero altri motivi per essere inorriditi. Non credi???

3:19 PM  
Anonymous Anonimo said...

Pensa che all'inizio faticavo pure a capire cosa fosse questa N word...
Ieri in ufficio e' stato divertente: io e un collega turco tranquillamente dicevamo la parola (dicevamo appunto: "che male c'e' a dire nigger?") e i colleghi wasp a inorridire!!!!
Invece motherfucker non e' poi tanto un problema, mah!

Ciao, Gio

4:57 AM  
Anonymous Anderton said...

Non ho visto il film di Will Smith. Aspettaro di vederlo in DVD, solo. Perche questo tipo di storia con un padre e suo figlio, viviendo nella strada, me fara "montare" lagrime perche me fara pensare a mei bambini... Stupido, no? Devo essere un grande sentimentale : anche il fine di "Dirty Dozen" è tanto triste ;-)

9:48 PM  

Posta un commento

<< Home